Gli apparecchi mobili e fissi

Gli apparecchi mobili si usano prevalentemente in tre situazioni:
1. per correggere problemi scheletrici, piccoli problemi dentali o di funzionalità (come quella linguale) e si usano prevalentemente nei bambini

bite

2. per alleviare il dolore in fase acuta in presenza di un problema muscolare e/o articolare oppure in situazioni di limitazione funzionale di apertura o chiusura della bocca, si adoperano placche occlusali o “bite”

bite

3. per correggere lievi irregolarità di posizione dei denti, si utilizzano mascherine trasparenti in sequenza

Apparecchio utilizzato

Gli apparecchi fissi
1. nei bambini sono prevalentemente:
– gli espansori, per allargare l’arcata superiore;
– gli attacchi sui denti, per correggerne l’allineamento;
– i mantenitori di spazio

mantenitore_spazio

– le griglie, per correggere abitudini viziate o la spinta anteriore della lingua

griglia_linguale

2. negli adolescenti e negli adulti gli apparecchi fissi si usano per ottenere un corretto allineamento dei denti, per correggere le malocclusioni che nel tempo possono causare disfunzioni o per risolvere malocclusioni che hanno generato una disfunzione. Questi apparecchi sono molto precisi nel permettere spostamenti dettagliati dei singoli denti. Realizzati in diverso materiale (metallo o ceramica trasparente) possono essere applicati sulla superficie esterna dei denti (apparecchi vestibolari) oppure sulla superficie interna (apparecchi linguali)

Apparecchi Apparecchi Apparecchi
 Apparecchio vestibolare in metallo

Apparecchio vestibolare in ceramica

 Apparecchio linguale